GIVEAWAY: le regole le conosci?

Non so tu, ma io sono spesso “taggata” sui social media. Gli amici lo fanno con lo scopo di partecipare a questo o a quel giveaway.

 

Tizia ti ha taggata nelle sue Stories, Caio invece nella foto che ha pubblicato. Sempronio, lo “possino”, direttamente dalla cima dell’Himalaya… (fra un po’ succederà, sappilo).

L’ultimo tag ha avuto l’effetto della goccia che fa traboccare il vaso e, stufa della superficialità con cui ormai si fa tutto (soprattutto su internet), ho deciso di documentarmi meglio e spargere la voce che….

I GIVEAWAY NON SI POSSONO ORGANIZZARE ALLA CAXXO DI CANE!

Premetto che: 1. so bene che in rete esistono già numerosi articoli che sviscerano l’argomento 2. mi riferisco soprattutto ai blogger/free lancers e creativi in generale. E anche, perché no, ai cosiddetti influencer. Perché è un mondo, il nostro, in cui i controlli spesso non ci sono e ognuno fa quello che gli pare.

COSA SONO I GIVEAWAY

Sono dei piccoli concorsi a premio che i blogger/influencer organizzano per regalare ai loro fan/follower uno o più oggetti (creazioni personali oppure prodotti di piccoli e grandi brand). Lo scopo ovviamente è quello di far parlare di sé, aumentare il numero dei propri follower e fare pubblicità al proprio brand o a quello altrui.

Quello che salta agli occhi è che, spesso, chi li organizza:

  1. ignora palesemente come dovrebbero funzionare
  2. disprezza altamente le regole (dettate da leggi dello Stato)
  3. è sprezzante del pericolo (in caso di irregolarità ci sono sanzioni pesanti da pagare)

No, ma dico? Prima di indirne uno perché non documentarsi???? Sul web si trovano tutte le informazioni, basta cercarle!

COSA DICE LA LEGGE

La legge fa distinzione tra concorsi e operazioni a premio e a me, anche se non sono una giurista, sembra proprio che i giveaway rientrino nella categoria “concorsi” a tutti gli effetti. Mentre, di certo, non sono tra le tipologie escluse,  a meno che tu non metta in palio un oggetto del valore di una matita o un calendario (quindi circa un euro). Un po’ pochino, no?

Prima di organizzare un giveaway ti consiglio di documentarti bene ai link qui sotto:

LE REGOLE DA SEGUIRE

Molto brevemente ti dico quali sono:

  • devi fare una comunicazione al Ministero dello Sviluppo Economico mediante apposito modulo online
  • stilare un regolamento da allegare alla comunicazione stessa
  • versare una cauzione pari al valore dell’oggetto messo in palio
  • chiamare un notaio o un funzionario della tua Camera di Commercio che, al momento dell’assegnazione del premio, dovrà redigere apposito verbale

Come vedi l’iter è impegnativo e,  a conti fatti, regalare qualche prodottino di bellezza o un braccialetto ti fa spendere un occhio della testa (i notai costano, si sa).

Dice:” E tu che ne sai che chi fa i giveaway non abbia seguito tutte queste formalità?”. Vero, non lo so per certo. E spero per loro che lo abbiano fatto, perché in caso di irregolarità le sanzioni partono da circa  mille euro… Però, consentimi di dubitare che in molti (moltissimi, troppi) l’abbiano fatto e al paragrafo seguente ti spiego perché.

DEVI ESSERE UN’IMPRESA

La legge stabilisce che per indire un concorso a premi bisogna essere un’impresa iscritta nel Registro delle Imprese e non una persona fisica (anche se hai la partita iva, non va bene lo stesso) e io francamente dubito che tutte le influcencer/blogger/creative che regalano a piene mani abbiano un’impresa iscritta nel Registro.

DEVI UTILIZZARE SERVER ITALIANI

Inoltre, la legge prevede anche che venga tenuta traccia dei dati dei partecipanti ai contest online su server italiani (e i social media invece non hanno i loro server in Italia).  Se leggi le FAQ su concorsi e operazioni a premio trovi spiegato il perché. Quindi, puoi pubblicizzare sui social il tuo giveaway ma poi chi vuol partecipare deve registrarsi al concorso sul tuo sito internet (con server in Italia). Non va bene taggare gli amici (Facebook lo vieta, per esempio) per partecipare oppure mettere il “like”.

Per approfondire le modalità di promozione consentite sui social media, leggi qui:

CONCLUSIONI

Alla fin della fiera:

  • se il tuo brand non fa capo ad un’impresa regolarmente iscritta nel Registro delle Imprese NON PUOI organizzare un giveaway.
  • se hai un’impresa ma non segui la procedura prevista dalla legge NON PUOI organizzare un giveaway.
  • Se sei semplicemente un’influencer (micro o maxi non ha importanza) o una blogger PUOI consorziarti con un grosso brand (che deve essere un’impresa che ha seguito la procedura prevista per legge) e pubblicizzare il suo giveaway tra i tuoi follower invitandoli a partecipare al concorso registrandosi sul sito del brand e non chiedendo i like e i commenti sui tuoi profili social.

Tutto chiaro? Se non lo è chiedimi e cercherò di aiutarti.

Se hai voglia di ricevere info e consigli come questi direttamente nella tua email (oltre ad altri contenuti esclusivi), entra nel Club della Paia e iscriviti alla mia newsletter. Ci stai?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.